PRANA Ventilazione con recuperatore di calore in rame; Aria fresca e pulita per ogni casa


La ventilazione degli ambienti per il ricambio dell’aria viziata con aria pulita assicura il comfort, il microclima e il bilancio energetico di ogni abitazione.

La normativa europea 2010/31 impone che i nuovi edifici rispettino, per edifici costruiti a partire dal 31 dicembre del 2020, le caratteristiche elencate per la realizzazione di strutture battezzate nearly Zero Energy Building  (nZEB), ovvero ad energia quasi zero, anticipando a dicembre 2018 la scadenza per i nuovi edifici pubblici.

La ventilazione degli ambienti per il ricambio dell’aria viziata con aria pulita assicura il comfort, il microclima e il bilancio energetico di ogni abitazione.

La normativa europea 2010/31 impone che i nuovi edifici rispettino, per edifici costruiti a partire dal 31 dicembre del 2020, le caratteristiche elencate per la realizzazione di strutture battezzate nearly Zero Energy Building (nZEB), ovvero ad energia quasi zero, anticipando a dicembre 2018 la scadenza per i nuovi edifici pubblici.

Nei gineprai normativi Europei e Italiani la norma UNI EN15251, relativa agli aspetti energetici connessi alla qualità degli ambienti interni, riferisce per la ventilazione e i ricambi d’aria per ambienti residenziali e pubblici (uffici, scuole, alberghi, commerciali, terziario) questi valori minimi;

  • 0,7 vol/h per la categoria I
  • 0,6 vol/h per la categoria II
  • 0,5 vol/h per la categoria III

La categoria II è quella a cui riferirsi per standard normali di progettazione.

Nell’edilizia privata quotidiana, i tecnici impegnati nella riqualificazione con problemi di condensa e deumidificazione e seguono interventi specifici, al termine dei quali, e in mancanza di adeguati impianti dedicati, raccomandano di arieggiare gli ambienti, consapevoli che il fabbisogno di aria pulita indicato dalla normativa, non sarà raggiunto.

Cosa fare quindi?

Mancando in Italia l’abitudine progettuale che prevede la ventilazione naturale degli edifici con gli efficienti sistemi a torrino per effetto camino, prescrivere un impianto centralizzato di Ventilazione Meccanica VMC resta la soluzione principale.

I sistemi di Ventilazione Meccanica Controllata (VMC) permettono la ventilazione continuativa degli edifici “controllando” le portate d’aria di rinnovo secondo le esigenze determinate in fase di progetto attraverso una macchina che estrae l’aria ed un’altra che ne immette di fresca.

Vantaggi e svantaggi di un sistema centralizzato VMC

Per il privato un impianto VMC è certamente una scelta costosa, che obbliga ad una alta soglia di rumore, ai disagi di modifiche architettoniche con complesse istallazioni delle canalizzazioni in tutta la casa ed alla successiva manutenzione programmata di pulizia e sanificazione dei condotti di immissione ed estrazione.

Ma principalmente, bisogna dire che un impianto centralizzato di Ventilazione Meccanica alla fine non produrrà l’aria sana e pulita di cui necessitiamo

assss concorenti_d_prana24

È infatti noto che se il passaggio dell’aria supera i tre metri di condotto, si perde quasi tutto il carico di ioni, importanti per la salute e più del 95% del proprio componente energetico.

I sistemi centralizzati tradizionali, possono quindi risolvere i problemi riguardanti le superfici murarie, laddove siano stati precedentemente eseguiti interventi edili opportuni, ma non possono soddisfare anche i bisogni umani per quanto riguarda la qualità dell’aria.

ALTRI SISTEMI

In casi di condensa ambientale, utilizzare un condizionatore con funzione deumidificatore serve a ben poco perché i sistemi di climatizzazione raffrescano (o riscaldano) l’aria che esiste nell’ambiente, senza apportare nessun ricambio d’aria.

Ovviamente anche applicare prodotti chimici anti-muffa non risolve questo tipo di problema.

LA QUALITA DELL’ARIA E L’INQUINAMENTO INDOOR

14947615_1717693765224336_3998160761904402202_n

Questo l’elenco degli inquinanti:

  • Il dannosissimo gas radon rilasciato dal sottosuolo attraverso le nostre murature in tufo
  • L’ozono e l’ossido di azoto prodotto dagli elettrodomestici e dai sistemi di riscaldamento
  • I batteri (i.e. Stafilococchi e gram negativi)
  • I funghi (i.e. Cladosporium, Penicilium, Alternaria, Fusarium, Aspergillus) e i loro residui (endotossine, micotossine) come le pericolose muffe le cui spore contengono tossine come le specie Stachybotrys chartarum conosciute come “muffa tossica nera”
  • I peli, le spore, i virus (i.e. Rhinovirus e virus influenzali), gli acari, e i pollini”
  • La formaldeide generata da mobili, vernici e detersivi
  • Il monossido di carbonio prodotto dalla combustione nelle cucine
  • Il fumo di tabacco
  • L’amianto e fibre minerali che scaturiscono dagli elementi frangi fiamma, dai cartoni di protezione degli impianti di riscaldamento, dai teli da stiro, dai guanti da forno, dagli sportelli delle caldaie, dalle cucce dei cani.
  • VOC (composti organici volatili): benzene, toluene, composti ossigenati

Da queste condizioni estreme, derivano problematiche come allergie legionellosi e alveolite allergica, asma, congestioni nasali, eczemi e dermatiti, congiuntiviti e stomatiti, bronchiti, laringiti, raffreddori, attacchi di tosse, mal di testa ed anche disfunzioni legate all’ipossia nelle cellule del midollo spinale e del cervello.

In Italia il 25% della popolazione soffre di forme allergiche legate a questi fattori e 1 bambino su 10 soffre di asma, dati che rendono di vitale importanza il ricircolo dell’aria nelle nostre abitazioni.

05-03-2017-11-33-23

Alcuni studi hanno addirittura dimostrato che nell’aria “domestica” è possibile superare il livello di inquinamento rispetto all’esterno.

Insomma è paradossale che le nostre case, il luogo dove viviamo maggiormente e dove cresciamo i nostri figli, non sia il posto migliore dove poter respirare aria salubre!

Alle mie proposte di risanamento già discusse in precedenti articoli (deumidificazione e risanamento salino alle pareti, eventuale preventiva estrazione dei Sali con bio impacchi, barriera chimica o fisica nello spessore murario e la tinteggiatura con i silicati di potassio inorganici ad effetto fotocatalitico), aggiungo qui l’interessante e innovativa soluzione di ventilazione meccanica controllata con i recuperatori di calore PRANA ad alta efficienza, gli unici a singolo elemento con scambiatore di calore in rame e assenza di filtri, con certificazione CE.

PRANA; SISTEMI DI VENTILAZIONE RECUPERATORE DI CALORE IN RAME

15179093_344541905902551_8892074118329073585_n 

A supporto degli interventi edili proposti, Il recuperatore PRANA e un tipo di Ventilazione Meccanica Controllata decentralizzata con altissimo recupero di calore stabile (non a cicli) e grazie allo scambiatore in rame (antisettico naturale) non contiene filtri dannosi.

copertina

L’innovativo sistema di ventilazione PRANA è in grado non solo di areare l’ambiente, ma anche di fornire all’aria in casa una quantità sufficiente di aria “esterna”, preventivamente riscaldata e ricca di ossigeno e di ioni naturali.

15179013_2597743620364381_1449096553914299935_n 04-03-2017-11-20-02

Il sistema di ventilazione meccanica con recuperatore di calore PRANA è stato concepito e brevettato in un clima rigido come quello Ucraino, dove aprire finestre per arieggiare non è sempre cosa possibile.

LA GAMMA PRANA

Oggi i sistemi di ventilazione decentralizzati PRANA, sono considerati tra i migliori al mondo, perché, gli ingegneri che idearono questo sistema di ventilazione innovativo, lo brevettarono con lo scopo di migliorare le condizioni climatiche di un ambiente circoscritto, tenendo conto della fisiologia della respirazione umana.

All’estero, questa soluzione ormai è standard per le nuove case.

I recuperatori di calore e i sistemi di ventilazione giocheranno un ruolo fondamentale nella costruzione dei nuovi edifici a basso impatto ambientale

I PRINCIPALI VANTAGGI DEI SISTEMI DI VENTILAZIONE PRANA CON SCAMBIATORE DI CALORE SONO:

DIMENSIONE COMPATTE

Comodo per le sue dimensioni compatte, poiché la maggior parte della ventilazione è nascosta nel muro, e dall’esterno fuoriesce solo una piccola griglia, che favorisce l’estrazione e l’immissione di aria, il diametro di spessore va da 15 a 22 cm, la lunghezza varia dallo spessore dei muri. PRANA può produrre sistemi di ventilazione di tutte le lunghezze (partendo da misure standard) secondo le necessità del cliente.

VELOCITA’ E FACILITA’ DEL MONTAGGIO

Installazione rapida (circa 2 ore) senza provocare danni all’interno dei locali; si pratica un foro nel muro, si fissa il modulo con un sigillante, si collega il sistema di ventilazione alla corrente ed il prodotto è subito funzionante.

COEFFICIENTE DI EFFICIENZA FINO AL 91%

A differenza dei sistemi di ventilazione presenti sul mercato, non si ha necessità di installare due sistemi, uno di entrata ed uno di fuoriuscita dell’aria, inoltre i nostri sistemi di ventilazione è a flusso di aria di entrata/uscita continuo, non in modo ciclico, dove l’aria entra ed esce ad intervalli. I flussi di aria in entrata e in uscita entrano nello scambiatore di calore, in modo continuo e simultaneo senza mescolarsi mai, scambiandosi calore, questo consente di sfruttare al massimo l’efficienza energetica del prodotto.

SCAMBIATORE DI CALORE IN RAME

Lo scambiatore di calore in rame garantisce la purificazione e la protezione dai microorganismi dannosi, grazie al fatto che il rame è un antisettico naturale, così facendo viene anche conservata la composizione ionica dell’aria e le componenti dell’energia naturale dell’aria “prāṇa” indispensabile per la salute umana.

(prāṇa) Il termine prāṇa significa “VITA”, il requisito principale per far sì che ci sia vita è la presenza di aria, composta da ioni, anioni, ossigeno, azoto ed anidride carbonica

Tenendo conto del fabbisogno fisiologico dell’uomo e quindi degli esseri viventi, prāṇa è dato dalla respirazione che veicola, oltre all’ossigeno anche la vitalità che otteniamo dall’aria.

NESSUN FILTRO DA CAMBIARE

filtri-condizionatore-smontabili

Il sistema non è dotato di filtri, dato che più del 75% delle particelle di polvere presenti nell’aria esterna non entra all’interno dei locali, grazie alla tecnologia di pulizia ciclonica prevista nella costituzione del dispositivo (la forza centrifuga che separa l’aria dalla polvere e la direziona verso lo scarico di condensa). L’assenza di filtri consente di evitare l’accumulo stratificato di polvere all’interno degli stessi, dove si annideranno batteri di ogni genere già dalle prime ore di utilizzo.

Comunque la fornitura di filtri sintetici si ha su richiesta, anche se è contro il principio dell’azienda, perchè l’aria sarà trattata e quindi non manterrà la qualità energetica della stessa.

  • (filtri) E’ risaputo che ogni filtro accumula rapidamente polvere e residui organici che in breve tempo daranno luogo alla formazione di focolai batterici quindi in un sistema del genere un filtro è controproducente. Inoltre, il filtro richiede una costante sostituzione tempestiva, che, purtroppo, nella maggior parte dei casi non si fa per diversi motivi: per qualcuno è troppo caro e per qualcuno è difficile ricordarsi di farlo. I filtri nei sistemi analoghi di solito, si installano non per pulire l’aria, ma, per prolungare il funzionamento dello scambiatore di calore.

(pulizia ciclonica) La tecnologia ciclonica presente nei dispositivi Prana svolge la funzione di purificazione: il flusso d’aria in entrata subisce una rotazione e deviando il percorso consente la sedimentazione della polvere e l’immissione diretta dell’aria.

SILENZIOSITA’

16387925_750985971732301_1014785202083976884_n

Il sistema di ventilazione PRANA possiede diversi regimi di funzionamento. Durante il regime massimo di funzionamento il livello sonoro del sistema decentralizzato di ventilazione con il recuperatore PRANA non supera i 38dB. Tale livello sonoro è pari a quello di un condizionatore. Durante il regime notturno (utilizzato abitualmente) il livello sonoro è pari a 26dB. Ciò significa che in tale regime, il recuperatore praticamente non produce alcun rumore.

RISPARMIO ENERGETICO 

risparmio-energetico-agevolazioni

I sistemi di ventilazione con recuperatore di calore PRANA consentono un risparmio di energia elettrica fino al 25% in meno a quella che viene normalmente consumata con un sistema di evacuazione tradizionale (apertura delle finestre). I sistemi PRANA hanno un consumo di energia elettrica dai 7 Watt/ora ai 32 Watt/ora a seconda della velocità e del modello. Tale sistema permetterà inoltre di risparmiare sull’energia elettrica e di abbassare considerevolmente le spese di riscaldamento (durante l’inverno) oppure di condizionamento (d’estate).

MIGLIORAMENTO DELLA CLASSE ENERGETICA

ff

Le nuove normative edilizie hanno classificato i consumi energetici in una scala dall’A (efficienza maggiore) alla H (efficienza minore). Con i nostri sistemi, risparmiando energia, poiché si eliminano gli sprechi di riscaldamento causati dall’apertura delle finestre, ogni edificio può rientrare nelle classi energetiche più elevate A e B. In funzione del modello istallato, e quindi del suo rendimento, l’edificio può rientrare al top dell’efficienza energetica. Questo è un aspetto positivo anche in termini di aumento di valore economico di un immobile. Un edificio con miglior classe energetica sul mercato immobiliare è commercialmente più competitivo di uno con consumi energetici elevati.

DETRAZIONE FISCALE

det

Chi acquista un impianto di Ventilazione Meccanica Controllata (VMC) recuperatore di calore ad alta efficienza PRANA, ha la possibilità di avvalersi delle detrazioni fiscali in vigore, gli impianti VMC (ventilazione meccanica controllata), con recupero di calore, possono beneficiare delle detrazioni fiscali in dieci quote annuali, previste dalla Legge n. 190 del 23 dicembre 2014. Un recuperatore di calore PRANA decentralizzato (VMC), ha un rendimento fino al 91% e produce risparmio energetico, aumentano la classe energetica quindi accedono anche alla detrazione fiscale del 65%, la quale, oltre a garantire una detraibilità maggiore, consentono alle persone che possiedono P.IVA di accedere a tali benefici. La pratica deve essere seguita necessariamente da un professionista abilitato che attesti il conseguimento del risparmio energetico.

GARANZIA

download

Tutti i prodotti PRANA sono garantiti 2 anni.

Inoltre PRANA assicura;

  • Conservazione di calore in inverno e condizionamento in estate
  • Salvataggio del componente energetico dell’aria
  • Sistema costituito da vari algoritmi che controllano totalmente il sistema
  • Crea zone di comfort dove si vuole e quando si vuole
  • Garantita la qualità e l’affidabilità della ventilazione
  • Prezzo ragionevole e conveniente

Perché installare PRANA anche, ed in particolare, quando si sono terminati lavori di ristrutturazione e/o di riqualificazione energetica?

Le abitazioni ad alta efficienza energetica sono termicamente ben coibentate ma necessitano di un buon sistema di ventilazione e recupero termico che assicuri, senza che si debbano aprire le finestre con una dispersione del calore o del fresco, che ci sia un continuo ricambio d’aria negli ambienti chiusi, un clima sempre sano e un risparmio in bolletta.

11334008_1399404847054314_2467049354143348986_o

Nel caso in cui si effettui una ristrutturazione con riqualificazione energetica di un immobile, applicare un impianto PRANA risulta fondamentale per ristabilire, e mantenere, le corrette condizioni ambientali.

Infatti abitazioni riclassificate, possono presentare problemi dovuti a determinate condizioni termiche molto diverse da quelle a cui la struttura era “abituata”, con aumenti dell’umidità interna.

Per questo motivo l’installazione dei sistemi di ventilazione meccanica PRANA, risulta il metodo migliore per completare lavori di ristrutturazione e per garantire il giusto apporto di aria fresca, pulita e ionizzata nelle nostre case, con una posa semplice e veloce.

05-03-2017-11-49-16

Come mostrano le foto qui sopra, solo una volta eliminata la causa principale della formazione della muffa possiamo rimuovere le macchie dalle pareti con l’utilizzo di prodotti biocidi.

Anche nel caso in cui venga realizzato un isolamento termico esterno o interno nel caso di termo intonaci a calce e sughero, è bene istallare una ventilazione meccanica PRANA.

PRANA è il miglior sistema di ventilazione ad alta efficienza energetica innovativa per creare un microclima ottimale per la vita umana, con il 50% di umidità nell’ambiente, togliendo ogni possibilità di “respiro” alle muffe

Se si installa un recuperatore PRANA, si ottiene una fornitura continua di aria fresca esterna, recuperando il 91% del calore interno, espellendo fuori l’aria umida e viziata.

La polvere in sospensione presente nell’aria interna e le sostanze inquinanti prodotte vengono continuamente scaricate all’esterno, recuperando il calore con un’altissima efficienza, l’aria calda e viziata che esce riscalda lo scambiatore in rame (viceversa d’estate) scaldando l’aria pulita che entra.

LA CONDENSA

Muffe, funghi sui muri, acari, pollini, finestre appannate, aumento di umidità nella stanza, allergia, disagio, mal di testa, stanchezza.

14479812_1685985015062961_2665964655581371222_n 14642010_1688371154824347_7945787851968322023_n

In inverno gli ambienti riscaldati hanno un eccessivo contenuto di vapore (prodotto da attività come dormire, cucinare, fare la doccia o da normali attività domestiche) rispetto all’esterno, tale differenza di pressione causa la migrazione del vapore da dentro a fuori attraverso i muri.

Ecco perché è necessario che le temperature delle mura interne devono essere stabilmente al di sopra della cosiddetta temperatura di rugiada per evitare la formazione della condensa e la nascita e la proliferazione di muffe sulle loro superfici.

yy

Se un muro è poco isolato, o ci sono ponti termici (ad esempio un pilastro in cemento armato), e la temperatura superficiale dei muri scende sotto un certo valore, ecco che la formazione di condensa è assicurata.

I vecchi infissi ci costringevano di stare al freddo per la scarsa tenuta, ma proprio grazie a quegli “spifferi” veniva assicurato anche un lento ma costante ricambio dell’aria interna, con lo smaltimento dell’umidità, fenomeno che non avviene più a causa dei moderni infissi a doppia e tripla camera.

14572900_2577090905762986_3939885046890747246_n

L’obiettivo allora resta quello di ridurre l’umidità interna, infatti con una corretta areazione degli ambienti l’umidità interna diminuisce.

La cosa migliore è creare una corrente naturale aprendo porte e finestre collocate una di fronte all’altra, in questo modo l’aria interna umida, uscirà molto rapidamente e l’aria esterna asciutta invaderà gli ambienti interni abbassando il livello di umidità.

Quindi anche se d’inverno sarà scomodo, bisogna ricordarsi che è sempre necessario:

  • ventilare più frequentemente gli ambienti
  • aprire completamente la finestra dopo aver fatto la doccia o dopo aver cucinato
  • cambiare l’aria al risveglio
  • evitare di stendere biancheria umida in casa

Per tutti gli altri che non vogliono la conseguente dispersione di calore e di disagio di freddo consiglio di montare un recuperatore PRANA

VIDEO

Esempio di posa

https://www.youtube.com/watch?v=l7_lx-1eJM0

Intervista con Roman Herasymenko CEO Prana Italia srl

https://www.youtube.com/watch?v=eMsqEWcSPu4

Prana Europe

https://www.youtube.com/watch?v=dP40coz09nI

https://www.youtube.com/watch?v=HmD80zgIDx4

https://www.youtube.com/watch?v=jDR_aHg2NZM

APPLICAZIONI

27

33

22

32

35

15

15027587_1706727272988735_1081576744784186748_n

16427454_1751781998483262_4412339775604833532_n

16473028_1751782001816595_6489946406354659283_n

44

49

47

57

55

59

46

43

14601025_1697795490548580_1022475968897197576_n

Annunci